domenica 10 agosto 2014

DIARIO


Santa Chiara, di Simone Martini


 Ciascuno di noi ha diritto a due feste personali all'anno: compleanno e onomastico. Talora si è figli di genitori distratti, che impongono al figlio un nome senza santo, o il nome di un santo la cui festa cade a pochi giorni dal compleanno (il poveretto probabilmente vedrà per tutta la vita le sue due feste condensate in una sola, per colpa della pigrizia di amici e parenti), o ancora peggio, gli verrà dato il nome del santo del giorno, che (oltre a esporlo al rischio concreto di portare un nome infelice per tutta la vita) lo priverà in via definitiva di una delle due feste che gli spettavano.
Detto ciò, io mi ritengo fortunata, perchè le mie feste son ben distribuite. Il che è stato molto importante finchè ero bambina. Il tempo passava lento, ma in ogni periodo dell'anno io ero in fremente attesa di una festa o di un piacevole evento: compleanno a marzo e onomastico in agosto; e nei periodi intermedi Natale in dicembre, carnevale a febbraio, Villacidro a giugno e settembre, vacanze al mare a luglio...tutto equamente distribuito.
Ora che sono cresciutella le feste hanno perso parecchio del loro fascino: odio il carnevale, il Natale è una faticaccia, le vacanze a Villacidro non esistono più, la stagione balneare lasciamola perdere...però il mio compleanno e il mio onomastico li ho sempre festeggiati bene. Finora. Quest'anno di santa Chiara mi son dimenticata. Per fortuna la mia precisissima cognata, il cui compleanno cade il giorno del mio onomastico, mi ha telefonato ieri per organizzare le cose insieme: chi porta la torta salata? chi porta il dolce? ecc, dovendo trovarci tutti a casa di mammà stasera per festeggiare. Anche se santa Chiara è in realtà lunedi, ma naturalmente lunedi non è giorno di festeggiamenti.
Morale: le feste non sono più quelle di una volta, ovvero, io non sono più quella di una volta. Comunque stasera porterò questo cheese cake ai frutti di bosco, scarsamente originale ma sempre gradito.



Quanto a santa Chiara d'Assisi, un giorno di Natale (in cui avrebbe dovuto assistere alla messa celebrata da san Francesco, ma essendo malata non aveva potuto muoversi dal letto) tale era stato il suo desiderio di partecipare, che aveva visto proiettate le immagini della messa e aveva potuto anche partecipare alla comunione per mano di un angelo. Come conseguenza di ciò fu prescelta come protettrice della tv. Non la sapevo!

Post scriptum: La festa è stata bella, il mio cheese cake ottimo. Non vi metto la ricetta, perchè il web ne è pieno. Dirò solo che era ai frutti di bosco e a base di ricotta e formaggio quark (per intenderci, la marca più nota di quark sarebbe il filadelfia). Unico tocco personale: un'aggiunta di liquore alla nocciola.