domenica 13 luglio 2014



DIVULGAZIONE



I SENTIMENTI: UNA FORMULA CHIMICA

Poniamo il caso di due persone che si incontrano e si piacciono molto. Cosa succede?
Anzittutto si ha una iperproduzione di FENILETILAMINA, un composto simile alle anfetamine, con effetti molto simili, tipo diminuzione dell'appetito e iperattività (lo stesso composto viene prodotto dall'organismo anche in altre situazioni, per esempio quando si pratica uno sport estremo).
Zurab Martiashvili

La FENILETILAMINA è un neurotrasmettitore che favorisce il rilascio della DOPAMINA, la quale dà una sensazione di felicità, il desiderio di soddisfare i comportamenti che provocano piacere, e reiterarli nel tempo allo scopo di ripetere l'esperienza che ci ha dato la sensazione di euforia e felicità (per es. ripetere gli incontri con la persona che ci è piaciuta, telefonarle ecc.). Si prova allora un senso di benessere e attaccamento.
A sua volta la DOPAMINA porta al rilascio di NORADRENALINA con effetti di eccitazione, entusiasmo, contrazione venosa (e quindi mantenimento dell'erezione), rilascio di ADRENALINA con aumento della frequenza cardiaca e respiratoria, rossore ecc.: è il momento dell'eros scatenato, dell'amore- passione.


La FENILETILAMINA porta anche ad una produzione di VASOPRESSINA, un ormone che, soprattutto nel maschio causa aggressività, controllo e protezione del partner. Non se ne produce abbastanza da garantire la monogamia, tuttavia quando ce n'è in eccesso provoca crisi di gelosia e possessività. 

Sergio Govoni: Gelosia
 Ogni volta che si tocca la persona amata, la ghiandola pituitaria produce l'OSSITOCINA, l'ormone dell'attaccamento, che promuove l'affettività, fissa i ricordi emotivi, ci spinge al rapporto sessuale, e a ripeterlo nel tempo. Più sesso si fa, più ossitocina si produce. Questo desiderio di contatto produce le coppie stabili. Durante il rapporto sessuale, nel maschio c'è un picco di produzione di OSSITOCINA, e segue poi un periodo ''refrattario''. Nelle donne invece, il livello di OSSITOCINA si mantiene elevato più a lungo, talvolta anche per uno o due giorni. Il che dà alla donna sovente l'impressione di solitudine dopo il rapporto, quando il maschio (lui a corto di ossitocina) si gira dall'altra parte e la trascura.

Valentin Gubarev



Quanto dura questo periodo di innamoramento e passione? Da qualche mese a 4 anni. Dopodichè l'organismo si assuefà alla droga della FENILETILAMINA, i cui effetti diventano meno intensi (meno euforia, meno allegria). A questo punto i drogati che vogliono provare ancora l'intensità dei primi tempi e gli stessi effetti euforizzanti, partono per una nuova conquista. La novità farà loro riprovare l'intensità dell'inizio. Questi drogati sono i traditori seriali. Possono lasciare il partner precedente (che si troverà con un improvviso deficit di FENILETILAMINA con conseguente mal d'amore), oppure abbinare un nuovo partner al precedente.
La condizione di innamoramento può durare più a lungo se i due partners non hanno la possibilità di vedersi spesso. Allora la FENILETILAMINA si mantiene a livelli abbastanza alti, anche per molti anni.
Lado Tevtoradze

 Quando il cervello si abitua alla droga, che non regala più gli stessi effetti travolgenti, l'organismo incomincia a produrre ENDORFINE (con effetti simili alla morfina). Si avranno allora effetti rilassanti, calmanti, di buon umore, effetti analgesici ecc. Cioè, dopo lo sconquasso dell'innamoramento si arriva all'amore calmo e sereno.










Nell'amore c'è produzione di SEROTONINA, l'ormone del romanticismo, del buon umore, della felicità. Quando si va in carenza di SEROTONINA ci si sente depressi, si teme di essere traditi, si diventa gelosi. 
Spesso, nel caso per es. di relazioni extraconiugali, c'è una lotta fra FENILETILAMINA (l'amante) e OSSITOCINA (il coniuge), un amore doppio che può durare per molti anni, abbinando entusiasmo e rassicurazione. 

























FINE


Ti potrebbe interessare anche: 

 Il legame tra cibo e sesso  
 I nemici del sesso 
 Un post di costume che ci riguarda tutti, lo puoi leggere qui: 
Storia della pupù e della pipì
 Altri post di argomento vagamente scientifico: